Synergy 2010 – secondo giorno

Scritto il 14/05/2010
 

Il secondo giorno al SYNERGY 2010 è pieno di interventi autorevoli sul “Virtual Desktop da viaggio” che è XenClient. Michael Dell sottolinea la tendenza dei prossimi 3 anni: Bring Your Own PC, portati il tuo Pc da casa. La gente andrà a lavorare col proprio portatile, e l’IT avrà una nuova sfida da affrontare: distribuire programmi e dati in un territorio “pericoloso” in quanto non gerstito e non gestibile, un PC non di proprietà. Una sfida che si vince solo con soluzioni di virtualizzazione del PC stesso che preveda anche il “cavo di rete staccato”.

dell

IDC (e parla il numero due dell’azienda di indagini di mercato americana) aggiunge che per vincere questa sfida la distribuzione degli applicativi ai dispositivi portatili deve essere: cifrata, protetta, e con minimo impatto per l’IT aziendale. E all’occorrenza, in caso di furto deve essere disponibile la Kill Pill: un pulsante di distruzione a distanza o temporizzata dei dati aziendali. XenClient ha già tutto di serie.

synergy-IDC-cloud

La virtualizzazione avanza anche sui sistemi di acceleazione del traffico WEB: qui Mark Templeton annuncia i nuovi modelli di Netscaler VPX, pronti in versione virtuale.

templeton-netscaler

Serverlab