Terminal Server vs. VDI

Terminal Server Vs. VDI, il mondo visto dai blogger

Scritto il 03/10/2016 • Citrix, Microsoft, Virtual Desktop, VMware

Brian Madden, Douglas Brown e Daniel Petri sono tre blogger IT che si contendono il campo a suon di post sulle tecnologie VDI, Terminal Server e tutto l’ecosistema che ci sta attorno.

VDI vs. Terminal serverBrian, qui intervistato a Londra lo scorso giugno, è decisamente il più scanzonato e anti-nerd dei tre. Ha pubblicato analisi comparative fra il VDI e il Terminal Server tenendo speech e scrivendo molti articoli sul tema.

Di che si parla

Prima di tutto chiariamo i due termini:

  • Terminal Server (o Remote Desktop Services) è la tecnologia Microsoft che consente di far lavorare più utenti su un singolo server Windows. Da qui la definizione di “Sessione per utente”.
  • VDI, Virtual Desktop Infrastructure, è l’acronimo divenuto popolare quando VMware lanciò VMware View, lo strumento per trasformare un PC fisico in un PC virtuale per accedervi da qualsiasi luogo. Per semplificare, una completa “macchina virtuale dedicata all’utente”.

vdi-remote-desktops

Cosa ne dice Brian

In uno dei suoi interventi sulla comparazione Terminal Server Vs. VDI o, se lo vogliamo definire “Sessione per Utente  contro  Macchina Virtuale per Utente” ha delineato vantaggi e svantaggi delle due tecnologie.

Parliamo in entrambi i casi di “desktop” virtuali ospitati in datacenter in grado di erogare a distanza la propria postazione di lavoro, quindi i propri dati e i propri programmi.

Quale svantaggio ha una postazione di lavoro ospitata in datacenter? Che dipende dalla disponibilità e dalla qualità della connessione di rete.

Ecco la tabella comparativa che illustra vantaggi e svantaggi dei due metodi:

Sessione per Utente Macchina Virtuale per Utente (VDI)
pro contro pro contro
basso costo dovuto alla più semplice gestione messa a punto più complessa Stesso sistema operativo che l’utente ha sul suo PC costi elevati di storage
basso costo dovuto alta densità di utenti per ogni server certi programmi risultano difficili da configurare in modalità Sessione per Utente identico ciclo di installazione e manutenzione del PC virtuale rispetto a quello fisico consumo elevato di CPU e RAM

Cosa c’entra Citrix

In questa lotta Citrix è quella più agnostica perché produce le tecnologie per rendere fluide, ubique e scalabili sia la modalità “un sistema operativo a testa” che la modalità “più persone nello stesso server”.

Chi vince e chi perde fra VDI e Terminal Server

Per Brian Madden non esiste un vincitore, ritiene che quello che conta siano le prestazioni assieme alla riduzioni dei costi, occorre fare un mix delle due tecnologie.

Chiaro è che per ottenere il massimo risultato col minimo costo occorre utilizzare il più possibile la tecnologia “Sessione per Utente” che in casa Citrix si chiama XenApp, utilizzando però tutti le metologie e gli strumenti in maniera che l’utente abbia l’impressione di avere sotto le dita un PC fisico di ultima generazione.

Sei interessato a quest'argomento?
Compila il modulo e ti ricontatteremo al più presto

Serverlab