Tre giorni sul private, hybrid cloud

Scritto il 22/11/2013
private-cloud
 

Bologna, Padova, Milano: tre giornate per capire assieme i vantaggi del cloud in azienda

19, 20 e 21 novembre in giro per l’Italia ad ascoltare la voce di chi progetta il cloud e di chi lo usa ogni giorno.

Riporto alcuni  dialoghi che mi hanno particolarmente colpito; interviste condotte dal giornalista Luca Papperini di ESTE, casa editrice di Sistemi & Impresa (appunti non rivisti dagli autori).

***

Cosa intendete dicendo che il cloud è un percorso?

dario-vemagi-safetycloud

Ogni progetto SafetyCloud nasce ascoltando i nostri clienti, con i nostri clienti identifichiamo ogni volta quali sono i carichi di lavoro, dove stanno le criticità e in base a questi aspetti compiamo il percorso verso il cloud
Dario Vemagi, Nanosoft srl

Perché avete scelto il nome SafetyCloud? Volete dire che il vostro è un cloud sicuro?

private-cloud-emilia

Posso fare un esempio: nel vecchio mondo non si riusciva ad aggiornare tempestivamente i firewall, oggi aggiorniamo 100 firewall in una mattina. La sicurezza è anche non lasciare mai i firewall dei clienti su versioni obsolete di mesi.
100 firewall in 4 ore senza una console sul cloud, non è difficile, è impossibile!
Davide Galanti, Serverlab srl

Cos’è il private cloud?

safetycloud roadshow

Un conto è andare sul cloud ed adattarsi ai servizi del cloud, un conto è andarci e trovare un servizio personalizzabile secondo le proprie esigenze
Marco Crotti, Direzione Organizzazione e Sistemi di Poligrafica San Faustino Spa

Cosa vuol dire che il cloud riporta al centro l’IT manager?

private-cloud-socotherm

Penso sia inutile occupare il proprio tempo in attività che non portano valore, spostiamo queste attività sul cloud, io l’ho fatto!
Andrea Federico Perera, IT manager di Socotherm Spa

Come clienti, perché avete scelto SafetyCloud?

private-cloud-milano

SafetyCloud è diverso perchè lo progettiamo sempre assieme
Andrea Tironi, Responsabile Servizi Cloud di Consorzio.it, Crema

Con SafetyCloud ho guadagnato in tranquillità, e la mia tranquillità non ha prezzo
Cristoforo Materossi, Direzione Marketing, Casa Vinicola Gerardo Cesari, Verona

Potete raccontare qualche vantaggio concreto?

hybrid-cloud

Il 14 agosto scorso ero a 900 KM dall’azienda e mi accorsi di un guasto alla rete dati aziendale; i servizi SafetyCloud mi hanno permesso di identificare e risolvere il guasto senza dover tornare precipitosamente dalle ferie
Paul Blinkho, responsabile IT Società Italiana Tecnospazzole Spa

Proprio in questi giorni sto spostando alcune decine di macchine virtuali da una SAN ad un’altra senza arrecare disturbo agli utenti dell’azienda; al termine avrò più velocità e potenza senza aver bloccato mai l’operatività aziendale
Cristian Castellari, responsabile IT So.Ge.ma Spa

virtual-desktop

Avevamo l’urgenza di mettere a disposizione della nostra azienda l’applicativo gestionale; grazie a SafetyCloud l’ERP è stato messo in funzione in un paio di giorni, tra l’altro senza installare nulla ed utilizzando i PC esistenti in azienda
Vittorio Ascari, direttore A.M. Solutions Srl

Voi di Nanosoft e Serverlab come vedete il futuro del cloud?

cloud-computing

Essere visionari in Italia è abbastanza facile, basta guardare cosa accade in Usa e Nord Europa e ci si azzecca abbastanza; SafetyCloud nasce già come cloud ibrido: un cloud che può essere presso l’azienda, spesso integrato al cloud dei nostri datacenter e magari anche integrato al Public Cloud
Dario vemagi

Il cloud nel 2014 rappresenterà un mercato mondiale di 100 MLD$ e di 1,5 MLD € in Italia; dove si posiziona SafetyCloud?

serverlab-colt

Penso che SafetyCloud non abbia “predatori naturali”, facciamo un tipo di cloud che altri non fanno
Dario Vemagi

 

Ringraziamo quanti sono intervenuti:

Paul Blinkho, Responsabile Organizzazione e Sistemi di Società Italiana Tecnospazzole
Vittorio Ascari, Direzione Organizzazione di A.M. Solutions
Cristian Castellari, Responsabile IT di So.Ge.Ma Spa
Andrea Federico Perera, Direttore Sistema Informativo di Socotherm
Diego Scanferla, Direttore Generale di Idysnet
Ivano Astori, Direzione Sistemi e Infrastrutture di Streparava
Ivan Campa, Responsabile Organizzazione e Sistemi Informativi di ASL Brescia
Marco Crotti, Direzione Organizzazione e Sistemi di Poligrafica San Faustino
Francesco Doldi, Responsabile Infrastruttura Sistema Informativo di CEMBRE
Eros Gelfi, Responsabile Infrastruttura Sistema Informativo di M&M Forgings
Cristoforo Materossi, Direzione Marketing di Gerardo Cesari
Andrea Tironi, Responsabile Servizi Cloud di Consorzio IT

Luca Papperini, Redattore di Sistemi&Impresa
Lara Del Pin, Channel Manager Italy di Veeam Software
Gabriele Pellizzari, System Engineer di Veeam Software
Luca Besana, Channel Account Manager di Stonesoft
Marco Rottigni, Security Specialist di Stonesoft
Luca D’Ambrosio, Channel Manager di Dell
Marco Lorefice, Silverpeak Product manager in Ready Informatica
Matteo Marini,  Senior System Engineer di VMware
Antonio Fodde, CCS Senior Specialist di Colt

Fabio Bordignon, Sales Manager Triveneto di Serverlab
Dario Vemagi, Customer Solution Architect di Nanosoft
Mattia Paolini, Sales & Marketing Manager di Nanosoft
Davide Galanti, Sales Manager Emilia Romagna di Serverlab

Fotogallery:

flickr

 

 

 

Serverlab