Data recovery low cost grazie a vRanger e SANMelody

Scritto il 04/11/2008
 

Una nuova soluzione si affaccia sul mondo della disaster recovery. Una soluzione che nasce dalla collaborazione tra due software house molto attive: DataCore e Vizioncore, e che pone le aziende nelle condizioni di mettere al sicuro i propri dati anche a grande distanza.

DataCore e Vizioncore: loghi

Prendiamo un ambiente virtualizzato VMware ESX server con un data center gestito da SANMelody: è possibile farne la disaster recovery su un sito a più di mille chilometri di distanza, in tutta sicurezza e in automatico. Come?

Con l’intervento di Vizioncore vRanger PRO, il software dedicato al backup, alla replica e al ripristino, integrabile con l’opzione di copia asincrona dei dati di SANMelody.

Per prima cosa mettiamo in collegamento gli storage virtuali SANMelody nel datacenter e nel data recovery. Grazie all’opzione AIM per la copia asincrona, è ora possibile tramettere file tra i due siti, anche se posti a grande distanza e uniti da un collegamento tipicamente lento.
Procediamo creando con SANMelody un volume virtuale nel data center destinato ai backup di vRanger PRO. Una volta eseguito il backup, SANMelody è in grado di inviarlo al data recovery.

Abbiamo così realizzato un sito per il data recovery a grande distanza, funzionale in tutto e per tutto come un data recovery in loco, valido anche come sistema di backup tradizionale impostabile con lo scheduling.

Il sistema è automatizzabile e, qualora necessario, vRanger PRO è in grado di criptare i dati di backup già in fase di creazione, per una trasmissione al data recovery in tutta sicurezza.

Per ulteriori informazioni, visita la pagina Serverlab dedicata all’integrazione Vizioncore e DataCore.

Serverlab