Chi spenderebbe 500 milioni di dollari per un software gratuito?

Scritto il 01/04/2008
 

Chi mai pagherebbe per qualcosa che è nato nel mondo free, opensource, gratuito?

Eppure il 22 ottobre 2007 Citrix ha acquistato per 500 milioni di dollari USA (parte cash e parte in azioni) la XenSource Inc. che detiene i diritti per il più diffuso software gratuito per la virtualizzazione in ambiente Linux.

Per farci cosa?

La nuova visione di Citrix 2008 è: portare le applicazioni dalla sala macchine agli utenti, non importa come, il mondo Terminal Server è solo una parte, ora si tratta di virtualizzare tutto, da un capo all’altro, “end-to-end”.

?d=537

XenSource apre nuove possibilità, ma che valore può aggiungere Citrix a qualcosa che non ha costo?

La semplicità.

Semplicità di gestione e visione unitaria, dalla sala macchine all’utente.

E ancora:

  • il 22 gennaio 2008 Citrix e Microsoft hanno stretto un’alleanza tecnologica per la virtualizzazione di Windows Server 2008 
  • nel settembre scorso, Citrix e Microsoft hanno collaborato insieme per rilasciare Evergreen, una estensione di WANScaler che consente di aprire sedi e filiali senza un server Windows e usufruire dei servizi di un server Windows: autenticazione, condivisione, stampa…

Il mondo Terminal che finora ha visto Citrix protagonista, diventa solo una piccola parte di un’idea più grande, una nuova visione.

Abbiamo invitato i maggiori esperti esperti del mondo Citrix in Italia a parlarne in tre eventi:

la partecipazione agli eventi è gratuita, iscriviti online

Serverlab